giovedì 8 giugno 2017

Juventus - Real Madrid.

Solo la finale di CHAMPIONS poteva invogliare a scrivere qualcosa dopo tanto tempo. La Juventus ha perso, dispiace, o forse no. Questo è lo stato d'animo di tantissimi tifosi del calcio italiano. Dispiace perché una squadra italiana ha perso. Non dispiace perché la Juventus intesa come tutti quelli che la rappresentano, dai calciatori ai dirigenti, dai tifosi alla proprietà, non fanno nulla per far diventare il calcio uno sport sano. I calciatori sempre più prepotenti, i dirigenti sempre più presuntuosi e mai obiettivi, i tifosi sempre più squallidi nei loro cori, e la proprietà che preferisce pagare le tasse all'estero.
Si potrebbe parlare a lungo ancora, ma meglio fermarsi ed invitare tutti gli "appartenti" alla Juventus a riflettere, a riflettere tanto.

giovedì 13 novembre 2014

"Segnalazioni TV": 7) "Striscia la notizia" confonde Caserta con Cosenza.

video
Proprio così! In un servizio di 100% Brumotti a "Striscia la notizia" di ieri 12 novembre 2014 (che potete vedere in alto), è stata confusa la provincia di Caserta con quella di Cosenza. Il servizio si occupava di una piscina, mai aperta al pubblico e vuota da anni, di San Nicola la Strada, un paese in provincia di Caserta. Le immagini video riprendono la struttura mentre 100% Brumotti effettua le sue acrobazie con la bicicletta fino a quando lo stesso 100% Brumotti intervista il sindaco di San Nicola la Strada. In sovraimpressione compare la scritta "SAN NICOLA LA STRADA (COSENZA)". Fin qui credevamo che avevano semplicemente sbagliato a scrivere Cosenza con Caserta ma quando poi viene intervistato il sindaco di San Nicola la Strada e accanto alla sovraimpressione di "Sindaco di San Nicola la Strada" c'è anche la sigla "CS" di Cosenza e non la "CE" che è quella di Caserta, a quel punto abbiamo capito che si è trattato di un errore.
Ci chiediamo come gli autori di "Striscia la notizia" abbiano potuto confondere due città appartenenti a due regioni differenti, anche perché, per di più, ascoltando il sindaco di San Nicola la Strada aveva chiaramente un accento campano che è differente da quello calabro. Per caso per loro Cosenza è una provincia della Campania?
Un programma come "Striscia la notizia" che con i suoi servizi ci diverte facendoci notare gli errori di altri programmi televisivi dovrà inserire nei suoi prossimi servizi anche questo errore commesso dai suoi autori, cosa che è già successa tante altre volte in passato.

sabato 24 agosto 2013

"Curiosità": 10) Bing dedica la pagina di ricerca al Vesuvio.

Non potevamo esimerci dal segnalare che "Bing", il motore di ricerca di "Microsoft", oggi 24 agosto 2013, ha dedicato la pagina di ricerca al Vesuvio (il vulcano sito nella provincia di Napoli) immortalandolo con una meravigliosa immagine di Modestino Carbone. Dall'immagine si capisce che la foto è stata scattata da sud e lo si nota dalla caratteristica forma con la parte più alta a sinistra e quella più bassa a destra, insomma il classico skyline che si nota su cartoline acquistate nei paesi della costiera sorrentina e amalfitana. Noi di Italianalisi azzardiamo col dire che con alta probabilità la foto è stata scattata da qualche paese dei monti lattari.

venerdì 5 luglio 2013

"Stranezze": 4° episodio. - Libero.it usa l'immagine del municipio di Castellammare di Stabia per un fatto di cronaca avvenuto altrove.

 
Leggendo notizie del 5 luglio 2013 di qua e di là nel web ci siamo soffermati su una notizia del sito www.libero.it. Il soffermarsi sulla notizia all'inizio era dovuto alla drammaticità del fatto accaduto, ma poi leggendo l'approfondimento interno dell'articolo del giornale digitale ci ha incuriositi ancora di più in quanto ci siamo accorti che l'immagine di anteprima non aveva nulla a che fare col fatto accaduto poiché le vicende raccontate erano tutte avvenute a Piacenza. Ci spieghiamo meglio. L'immagine riprende un agente della polizia scientifica di spalle e sullo sfondo un edificio. Beh, quell'edificio è la casa comunale di Castellammare di Stabia, una città della provincia di Napoli, e non la città di Piacenza dove è avvenuto il fatto di cronaca. Abbiamo comparato le immagini con quelle di Google maps ed effettivamente risulta essere l'immagine del municipio della città in questione. In passato, sullo stesso sito, notammo un'altra notizia con la stessa immagine, anche in questo caso non aveva nessun collegamento con l'evento accaduto, ma pensammo che la redazione del web giornale avesse erroneamente inserita quella foto e non ci soffermammo più di tanto; ora non avremmo nemmeno prove per poterlo dimostrare. In questo caso invece abbiamo effettuato uno screenshot della pagina in questione e della notizia interna con una comparazione delle foto effettuate da Google maps. Una foto l'abbiamo ritagliata quasi come quella proposta da www.libero.it e abbiamo trovato tanti particolari in comune tra le due immagini: da notare le stesse transenne, le stesse fioriere, lo stesso intonaco staccato dalla facciata del palazzo, le stesse due targhe in marmo. Ma due elementi ancora più precisi che ci danno conferma che l'edificio è proprio la casa comunale di Castellammare di Stabia sono la chiesa alla sinistra del palazzo e lo striscione rosso sul balcone centrale (solo nell'immagine di www.libero.it) dove si può leggere "Fincantieri" con sotto "Castellammare di Stabia".
Potete notare voi stesso la stranezza segnalata da noi con le immagini inserite in questo post.






lunedì 25 marzo 2013

"Curiosità": 9) Plastica diventa petrolio.

 
video
Proprio come da titolo, un uomo giapponese, Akinori Ito, qualche anno fa presentò alla mostra-evento "TAPIA expo" in Giappone una macchina in grado di trasformare la plastica in petrolio.
La notizia non è recentissima ma la cosa strana è che non ha suscitato abbastanza interesse. Quanti di voi hanno sentito o letto una cosa del genere? I media chissà per quali ragioni hanno ritenuto che una notizia del genere non doveva essere data con le dovute attenzioni e con i dovuti approfondimenti. Evitiamo insinuazioni inutili e ritorniamo alla notizia. L'uomo giapponese ha avuto un'idea abbastanza semplice in quanto ha pensato che se la plastica è ricavata dal petrolio perchè non può la plastica stessa essere riconvertita in petrolio? Giustappunto ha costruito una macchina "Magic Box" in grado di trasformare un chilogrammo di plastica in un litro di petrolio, pronto per essere utilizzato nei processi di raffinazione, per ottenere dunque benzina, diesel e kerosene. Il principio di funzionamento è alquanto banale: la "Magix Box" viene riempita con quasiasi oggetto di plastica, ma senza che sia necessario trattarla in alcun modo, e una volta posta in funzione la macchina, all’interno del serbatoio di raccolta plastica sale la temperatura e la plastica inizia a bruciare. Il processo di combustione libera gas che viene forzato da un condotto all’interno di un tubo pieno d’acqua: il gas, opportunamente raffreddato, liquefa trasformandosi in petrolio. La "Magix Box" sarebbe dunque in grado di risolvere il problema del riciclo della plastica limitando, anzi eliminando, il problema delle emissioni di CO2 nell’aria, dovute alla combustione di plastica. Infatti, con la "Magix Box" le emissioni di CO2 sono ridotte di oltre l’80%.
Ci sarebbe da dire che comunque il petrolio ricavato verrà riutilizzato per i più svariati usi e che a sua volta produrrà CO2. Però questa invenzione potrebbe farci riflettere su un aspetto importante. I paesi non produttori di petrolio potrebbero "fabbricarsi" il petrolio da soli e magari essere autosufficienti sotto l'aspetto energetico, mentre i paesi produttori di petrolio non avrebbero più il monopolio. Si potrebbe prospettare uno scenario mondiale surreale.

giovedì 13 dicembre 2012

"Curiosità": 8) Assistenza remota.

In questo blog non ho mai trattato argomenti riguardo l'informatica o l'elettronica, insomma la tecnologia in particolare. Sin dall'inizio mi ero posto come obiettivo di argomentare o per essere più preciso, come avevo descritto nel primo post e cioè "Il perchè di questo BLOG.", "di approfondire, analizzare (parola a cui mi son ispirato per assegnare il nome al mio blog) molteplici argomenti senza un tema fisso". Beh... spero di fare cosa gradita ai lettori, oggi tratterò per la prima volta un argomento informatico. L'ho inserito nella classificazione "Curiosità" e se l'argomento desterà curiosità (scusate per la ripetizione del termine) creerò un menù a parte dove inserirò altri argomenti.
Quello di cui vi parlo in questo post vuole essere una sorta di "guida". Molte volte io stesso mi son imbattuto in alcune problematiche informatiche o tecnologiche e senza una guida non sarei stato capace di risolvere. Per questo ho deciso di dare informazioni utili magari per chi non è molto pratico o per chi non è riuscito a trovare una risposta ad un suo problema.
Oggi tratterò l'argomento inerente l'assistenza remota. L'assistenza remota è un modo pratico per dare accesso a una persona fidata, come potrebbe essere un amico o chi ci ha venduto il computer, di connettersi al nostro computer e illustrarci visivamente come risolvere un problema, cioè noi vedremo sul nostro monitor le operazione che lui farà dalla sua postazione ma usando il nostro computer. E questa operazione può essere fatta da qualsiasi parte del mondo, basta che entrambi abbiamo una connessione internet.
L'assistenza remota può essere fatta con molteplici programmi e la prerogativa è che entrambi i terminali abbiano installato lo stesso software di comunicazione. Uno dei software che a mio parere è sembrato molto semplice da usare è "Avast Free Antivirus". Avete letto benissimo, è un antivirus molto completo e affidabile che ha integrato la funzione di "assistenza remota". Quindi con un unico programma avremmo due funzioni essenziali. Precisiamo che stiamo lavorando su piattaforma Windows.
Per iniziare bisogna aver installato il software e per farlo basta scaricare l'ultima versione FREE dal sito del produttore www.avast.com/it-it/free-antivirus-download e cliccare su "SCARICA" come nell'immagine sottostante. Logicamente se qualcuno voglia acquistare una versione a pagamento potrà farlo scaricandola.
 
Per completare l'installazione aprite il file scaricato e seguite i vari passaggi. Poi per poter continuare ad usare questo ottimo antivirus bisogna registrare una vostra email.
Sto dando per scontato che chiunque sappia installare il programma in quanto i passaggi sono semplicissimi ma se qualcuno dovesse trovare qualche problema non esiti a contattarmi o a lasciare un commento a questo post. Ritorniamo all'argomento principale e cioè all'assistenza remota. Dopo aver installato il programma dovrebbe esserci l'icona di Avast nella barra applicazioni, quindi da lì potremmo aprire il pannello del programma oltre che dal menù "Start->Tutti i programmi". Per poter accedere all'opzione dobbiamo cliccare su "PROTEZIONE AGGIUNTIVA".
 Si aprirà un sottomenù, noi cliccheremo su "Assistenza remota".
Si aprirà una nuova schermata e cioè quella inerente all'assistenza remota dove ci dà la possibilità di scegliere tra "PERMETTI IL CONTROLLO REMOTO" e "CONTROLLA IL COMPUTER REMOTO". Le due opzioni sono facilmente intuibili: sulla prima opzione deve cliccare chi ha bisogno di assistenza, invece sulla seconda opzione deve cliccare chi deve dare assistenza. Quindi il primo dovrà comunicare al secondo una password che gli verrà assegnata dopo aver cliccato e il secondo dovrà digitare la stessa password.
 
Nel computer del primo apparirà una schermata che visualizzerà i contenuti del secondo e lo stesso accadrà nell'altro computer con la differenza che il secondo vedrà il suo computer "comandato a distanza".


martedì 8 maggio 2012

"Curiosità": 7) Morphing fotografico di Alessandro Del Piero con la maglia della Juventus.

video

video

Alessandro Del Piero è campione d'Italia 2011-2012 con la sua Juventus! Domenica 6 maggio 2012 ha vinto il suo ennesimo scudetto con una giornata di anticipo, aiutata da un'ottima Inter che ha battuto l'unica antagonista della Juventus, il Milan, per 4 a 2.
Alessandro Del Piero gioca nella Juventus dal lontano 1993 quando "Giampiero Boniperti chiuse la trattativa con il Padova in 24 ore, doveva fare in fretta perché mi seguiva anche la Fiorentina e soprattutto il Milan" (fonte: Alessandrodelpiero.com). Ci ha giocato per ben 19 anni dove ha vinto tutto quello che si poteva vincere con una squadra di calcio, dal primo trofeo, la Coppa Italia del 1994-1995, fino a quest'anno, l'ultimo trofeo, lo Scudetto Italiano 2011-2012.
Del Piero è un'icona del calcio italiano, un giocatore che ha eccelso nel suo campo ma che non si è mai montato la testa. Ha sempre fatto il suo dovere con grande rispetto di chi lo allenava e di chi giocava con lui. Con la sua squadra è stato fedele sempre anche quando è stata retrocessa in serie B "Quello che mi è accaduto nell'estate del 2006 non l'avrei mai potuto neppure immaginare. E invece è successo, tutto vero, mi sono ritrovato con uno scudetto vinto e poi tolto, con la Coppa del Mondo tra le mani, con l'ansia di non conoscere il futuro della mia squadra per la quale si parlava addirittura di serie C (!). E alla fine mi sono risvegliato, tra sogno e incubo, con una sola certezza: io sono dentro, io ci sarò, qualunque cosa accada" (fonte: Alessandrodelpiero.com).
Ogni tifoso della propria squadra di calcio vorrebbe che i suoi beniamini si comportassero come questo grande sportivo, invece puntualmente ci ritroviamo a fine campionato apprendendo notizie di questo o di quel calciatore che vuole lasciare la propria squadra perchè non si è qualificata per la Champions League o per l'Europa League o, peggio ancora, che vuole lasciare la propria squadra perchè non merita quei pochi milioni di euro (poverino!) ma di più. Beh, Del Piero è l'esempio positivo del calcio italiano.
Italianalisi ha voluto ripercorrere la carriera del calciatore Juventino in un modo particolare. Abbiamo elaborato un morphing fotografico con le "figurine" di tutti i suoi trascorsi alla Juventus, dal 1993-1994 fino al 2011-2012.

mercoledì 4 aprile 2012

"Curiosità": 6) L'auto volante (The flying car).

Come potevamo esimerci dal riportare una notizia del genere. Dal titolo si capisce, ebbene sì, la prima auto volante o se vi fa piacere il primo aereo che circola per strada. La cosa in fondo non cambia, è un veicolo particolare che può sia circolare per le strade cittadine che volare.
Da sempre il volo ha affascinato l'uomo, tanti sono i film, i documentari e i cartoni animati che ci hanno fatto sognare mostrandoci ogni volta uno pseudoveicolo capace anche di volare, ma adesso è pura realtà. Si chiama Transition, e' stato progettato, realizzato e collaudato dalla compagnia statunitense Terrafugia. Il veicolo ha le sembianze di un'auto e ai suoi lati ha le ali ripiegabili. Si trasforma da auto ad aereo o auto volante premendo un solo tasto dall'interno e diventa largo di soli 2 metri. Tutto è pronto anche per la fase della commercializzazione. Per adesso non sarà per tutti, di certo il costo sarà elevato e potrà essere "gui-lotato" da chi possiede sia patente di guida che brevetto di volo. Vi rimandiamo al video CLICCATE QUI e al sito ufficiale CLICCATE QUI.
In realtà però un'auto volante è già stata costruita e collaudata da un'azienda olandese, la Pal-V, Personal air and land vehicle. Questo veicolo però ha le sembianze di un elicottero. Per vedere il video CLICCATE QUI mentre se volete approfondire e vedere il sito ufficiale CLICCATE QUI.


Ha fatto il suo primo volo di prova. In arrivo la prima auto volante
Martedì, 3 aprile 2012 - 12:08:00
Il prototipo è stato battezzato "Transition", un piccolo aereo che può circolare su ruote con ali piegate, ha volato per circa otto minuti, aprendo la via alla sua commercializzazione di qui a un anno dall'azienda Terrafugia. "Con questo volo, la nostra equipe ha dimostrato la propria capacità a rendere reale quello che fino ad ora era considerato solamente un sogno impossibile da realizzare", si felicita il fondatore dell'impresa, Carl Dietrich.
"Transition" ha un'autonomia di 787 chilometri ed è largo due metri e tre in versione macchina e otto metri quando le ali sono dispiegate per volare. Con le ali chiuse l'auto può essere messa anche in un classico garage. Per prendere il volo, la vettura ha bisogno di una pista di una lunghezza di almeno 762 metri. Numerose aziende hanno di già tentato di mettere sul mercato una macchina volante, ma nessuno è riuscito a vendere più di qualche modello. Ma stavolta Terrafugia assicura che sono stati prenotati già un centinaio di esemplari. Il costo? 279 mila dollari.

Il via libera definitivo al Progetto Transition, così chiamato dal nome del vettore che sta a metà tra un'auto e un aereo, è arrivata dall'autorità per la sicurezza autostradale degli Usa, dopo che anche l'aviazione civile aveva dato l'ok L'ente ha dovuto permettere a questa particolarissima macchina di montare un parabrezza di plastica particolare - più leggero e meno pericoloso, in caso di incidente, del vetro ordinanza - oltre a pneumatici capaci di decollare in pista ma atterrare anche in autostrada. L'aviazione invece aveva già dato a questa "chimera industriale" l'autorizzazione a pesare 50 chili in più dell'aereo più leggero. Adesso alla Terrafugia, la compagnia del Massachusetts che ha lanciato il processo, non resta che mettere in commercio i primi veicoli.
fonte: www.libero.it

giovedì 1 marzo 2012

Lucio Dalla muore colpito da un attacco cardiaco.

video
Italianalisi ha appreso la notizia dell'improvvisa morte del cantautore con immenso dispiacere. Piace ricordarvelo con un video dove era ospite con Francesco De Gregori alla videochat di "TG1 on line" ed era intervistato da Vincenzo Mollica. Alla videochat si poteva partecipare inviando on line una domanda e il presentatore l'avrebbe rivolta agli ospiti. Noi di Italianalisi facemmo una domanda inerente ad un concerto che il cantautore tenne gratuitamente sull'arenile della città di Castellammare di Stabia in provincia di Napoli il 20 agosto del 2008. Mollica la rivolse a Lucio Dalla. Fu l'ultima domanda di una lunga intervista. Il famoso cantante elogiò la città e la gente. Ogni estate era solito ormeggiare la sua bella barca, su cui aveva fatto attrezzare una vera e propria sala di incisione, nel porto turistico "Marina di Stabia" di Castellammare di Stabia.

Giovedì, 1 marzo 2012 - 12:33:00

E' morto a Montreux, in Svizzera, Lucio Dalla, colpito da un attacco cardiaco. Stava per cominciare un tour.

Il cantante era nato a Bologna il 4 marzo 1943. Avrebbe compiuto 69 anni fra 3 giorni.

IL RICORDO DELL'AMICO VENDITTI SU AFFARITALIANI.IT

Venditti ad Affaritaliani.it: "L'ho saputo stamattina, ma non volevo crederci. Era un grande amico e ha rappresentato molto per me. Non riesco a dire altro, sono addolorato. Un dolore troppo grande".

VECCHIONI AD AFFARITALIANI.IT: "ERA UN MAESTRO" - L'amico Vecchioni, contattato da Affari, lo ricorda così: "Dalla era un maestro, uno dei più grandi esponenti della musica italiana. Ed era anche un grande uomo, oltre che un amico. Una brava persona, simpatica, allegra. Sono tristissimo".

DE GREGORI: "MOMENTO TRISTISSIMO" - "Questo e' un momento tristissimo e non mi sento di parlare con nessuno". Lo riferisce l'ufficio stampa di Francesco De Gregori, il Midas Promotion, di Michele Mondella, per conto dell'artista che non vuole rilasciare ulteriori dichiarazioni.

JOVANOTTI NON RIESCE A CREDERCI - Il mondo della musica e' sotto shock per la morte di Lucio Dalla. Il grande cantautore scomparso improvvisamente oggi in Svizzera, a tre giorni dal suo 69esimo compleanno, getta nello sconforto amici, ammiratori e colleghi. Su twitter in pochi minuti l'ashtag "luciodalla" diventa immediatamente il piu' popolare e i messaggi arrivano a centinaia. Tra i primi a commentare la morte sono i colleghi Jovanotti e Paola Turci. Lorenzo scrive: "Oh no, dai no... non ci posso credere dai... davvero non posso crederci", mentre la cantautrice romana gli manda un ultimo addio: "Sempre vicina a te. Sempre vicino a me. Lucio". Tra i tanti altri che scrivono, anche l'attrice Sabina Guzzanti: "Un poeta ci ha lasciato. Restano grandi canzoni, non un vuoto".

LA BIOGRAFIA:

Lucio Dalla era nato a Bologna il 4 marzo 1943. Aveva cominciato a suonare sin da giovane, prima la fisarmonica poi il clarino. Fece parte della Second Roman New Orleans Jazz Band e poi dei "Flipper". Nel 1963 quando al Cantagiro, Gino Paoli si offre come produttore e l'anno successivo approda alla scuderia discografica Rca. Incide "Lei" e "Ma questa sera", ma senza successo. Debutta nel 1966 al Festival di Sanremo con "Paff...Bum", in coppia con i "Yardbirds" di Jeff Beck. Del 1971 e' l'album "Storie di casa mia", contenente canzoni quali "Il gigante e la bambina", "Itaca", "La casa in riva al mare". Dal 1974 al 1977 collabora con il poeta bolognese Roberto Roversi realizzando tre album: "Il giorno aveva cinque teste", "Anidride solforosa" e "Automobili". Sciolto il sodalizio con Roversi, diventa anche paroliere e realizza dischi quali "Com'e' profondo il mare" e "Lucio Dalla", che contiene classici quali "Anna e Marco" e "L'anno che verra'". Nel 1979 si esibisce dal vivo con Francesco De Gregori nel tour di grande successo "Banana Republic" (da cui l'omonimo "live"). Seguono nel 1980 "Dalla", con le stupende "La sera dei miracoli", "Cara" e "Futura". Incide nel 1981 "Lucio Dalla (Q Disc)", "1983" nel 1983 e "Viaggi organizzati" nel 1984. Nel 1985 esce l'album "Bugie" e nel 1986 "Dallamericaruso". In questo disco e' inclusa la canzone "Caruso", riconosciuta dalla critica come il capolavoro di Dalla. Vende oltre otto milioni di copie, viene incisa in trenta versioni, tra cui la versione di Luciano Pavarotti.

Nel 1988 si forma un'altra coppia vincente: Lucio Dalla e Gianni Morandi. Scrivono un album insieme, "Dalla/Morandi", a cui segue una trionfale tournee. Nel 1990 in televisione, presenta il suo nuovo brano "Attenti al lupo" e il seguente album "Cambio". Il disco totalizza quasi 1.400.000 copie vendute. Il 1996 segna l'ennesimo successo discografico con l'album "Canzoni", che supera la cifra di 1.300.000 copie vendute. Il 9 settembre 1999 pubblica "Ciao", a 33 anni dal suo primo album che si intitolava "1999". L'album contiene undici brani, prodotti ed arrangiati da Mauro Malavasi. La tiltle-track "Ciao" diventa il brano radiofonico dell'estate 1999. L'album conquista il doppio disco di platino. Oltre ad essere autore e interprete Dalla e' anche un talent scout. A Bologna ha sede la sua etichetta discografica Pressing S.r.l., che ha lanciato gli Stadio, Ron, Luca Carboni, Samuele Bersani e ha permesso la rinascita artistica di Gianni Morandi. E' autore di colonne sonore per i film di Mario Monicelli, Michelangelo Antonioni, Carlo Verdone, Giacomo Campiotti e Michele Placido. Ha anche aperto la galleria d'arte No Code, in Via dei Coltelli a Bologna. E' autore di programmi televisivi di successo: Te vojo bene assaie, Capodanno, RaiUno - Taxi, Rai Tre - S.Patrignano. Non ultimo il programma con Sabrina Ferilli, "La Bella e la Besthia" (2002). Il 2010 si apre con la notizia di un concerto insieme di Dalla con Francesco De Gregori, a trent'anni da "Banana Republic". E soltanto di poche settimane fa la sua apparizione al Festival di Sanremo per accompagnare il giovane cantautore Pierdavide Carone, con il brano Nani'.

LA DISCOGRAFIA:

33 giri e CD
1966 - 1999 (ARC, SA 16)
1970 - Terra di Gaibola (RCA Italiana, PSL 104
62)
1971 - Storie di casa mia (RCA Italiana, PSL 10506)
1973 - Il giorno aveva cinque teste (RCA Italiana, DPSL 10583)
1975 - Anidride solforosa, (RCA Italiana, TPL 1-1095)
1975 - Bologna 2 settembre 1974 (dal vivo), (RCA Italiana, TCL 2-1110; con Francesco De Gregori, Antonello Venditti e Maria Monti)
1976 - Automobili (RCA Italiana, TPL 1-1202)
1977 - Come è profondo il mare (RCA Italiana, PL 31321)
1979 - Lucio Dalla (RCA Italiana, PL 31424)
1979 - Banana Republic (RCA Italiana, PL 31466; con Francesco De Gregori)
1980 - Dalla (RCA Italiana, PL 31537)
1981 - Lucio Dalla (Q Disc) (RCA Italiana; PG 33420)
1983 - 1983 (RCA Italiana, PL 31692)
1984 - Viaggi organizzati (Pressing)
1985 - Bugie (Pressing)
1985 - Lucio Dalla Marco Di Marco (Fonit Cetra, ALP 2008; inciso insieme a Marco Di Marco)
1986 - DallAmeriCaruso (RCA Italiana)
1987 - Per gioco e per amore RCA

1988 - Dalla/Morandi (RCA, con Gianni Morandi)
1988 - In Europa (Ariola, con Gianni Morandi)
1990 - Cambio (Pressing)
1991 - Geniale? (RCA; registrazioni dal vivo del 1969-1970 con alcuni inediti)
1992 - Amen (Pressing; dal vivo)
1993 - Henna (Pressing)
1996 - Canzoni
1997 - Torino Milano E Dintorni (Rca Italiana [Rca Italiana])
1999 - Ciao
2000 - Live @ RTSI (registrazioni dal vivo del 1978)
2001 - Luna Matana
2002 - Caro amico ti scrivo
2003 - Lucio
2006 - 12000 lune
2007 - Il contrario di me
2008 - LucioDallaLive - La neve con la luna
2009 - Angoli nel cielo
2010 - Work in Progress (con Francesco De Gregori)
2011 - Questo è Amore

45 giri
1964 - Lei (non è per me)/Ma questa sera (ARC, AN 4008)
1965 - L'ora di piangere/Io al mondo ho solo te (ARC, AN 4037)
1966 - Paff... bum!/Io non ho pianto mai così (ARC, AN 4072)
1966 - Questa sera come sempre/Io non ci sarò (ARC, AN 4084)
1966 - See-saw/Cool jerk (ARC, AN 4091, pubblicato come The Group)
1966 - Quando ero soldato/Tutto il male del mondo (ARC, AN 4101)
1967 - Bisogna saper perdere/Lucio dove vai (ARC, AN 4113)
1967 - Non è un segreto/Passerà passerà (ARC, AN 4119)
1967 - Il cielo/1999 (ARC, AN 4128)
1968 - E dire che ti amo/Se non avessi te (ARC, AN 4148)
1968 - Hai una faccia nera nera/Cos'è Bo
netti? (ARC, AN 4154)
1969 - Per fare un uomo basta una ragazza / ...e invece no (ARC, AN 4171)
1970 - Sylvie/Orfeo bianco (RCA Italiana, PM 3522)
1971 - 4-3-1943/Il fiume e la città (RCA Italiana, PM 3578)
1971 - La casa in riva al mare/Itaca (RCA Italiana, PM 3588)
1971 - Il colonnello/Il gigante e la bambina (RCA Italiana, PM 3610)
1972 - Piazza Grande/Convento di pianura (RCA Italiana, PM 3638)
1972 - Sulla rotta di Cristoforo Colombo/Un uomo come me (RCA Italiana, PM 3651)
1974 - Anna bell'Anna/Pezzo zero (RCA Italiana, TPBO 1003))
1975 - Anidride solforosa/Tu parlavi una lingua meravigliosa (RCA Italiana, TPBO 1105)
1976 - Nuvolari/Il motore del duemila (RCA Italiana, TPBO 1189)
1977 - Quale allegria/Il cucciolo Alfredo (RCA Italiana, PB 6157)
1978 - Ma come fanno i marinai/Cosa sarà
(RCA Italiana, PB 6265; con Francesco De Gregori)

Partecipazioni
1962 con la Seconda Roman New Orleans Jazz Band: Telstar/Madison: a swingin' time (RCA Italiana, PM 3164)
1975 nell'album collettivo dal vivo Trianon '75 - Domenica Musica: Passato, presente(RCA Italiana)
1976 nell'album Progetto per un inno l'internazionale di Mario Schiano (canta L'Internazionale insieme a Antonello Venditti e Francesco De Gregori
1977 nell'album L'Eliogabalo di Emilio Locurcio
1985 suona clarino e sax nel Qdisc "RAPEZZI" di Ugo Rapezzi prodotto da Sergio Bardotti.
1990 nell'album collettivo live dedicato a Piero Ciampi Te lo faccio vedere chi sono io interpreta Ha tutte le carte in regola' (edizioni Blu) - serata ripresa integralmente in TV
2005 nel DVD Pierino e il lupo di Sergej Pr
okofiev, prodotto da Fabula Classica (voce narrante e regista)
2007 nell'album Ci sono cose di Ricky Portera Co-Prodotto da Maurizio Silvestri, dona la voce a servizio di un suo grande successo "La sera dei miracoli"
2009 nell'album Extended Play 2009 della band SpaccailSilenzio in veste di clarinettista su "Da questo muro"

Duetti
Con Ana Belén: Canción (cover di Canzone) - Respondeme
Con Edoardo De Angelis Sulla rotta di Cristoforo Colombo (Fonit Cetra, 1992)
Con Elio e le Storie Tese: Psichedelia
Con Fabio Concato: 051-222525 (live)

Con Francesco De Gregori: 4/3/1943 - Addio a Napoli - Banana Republic - Ma come fanno i marinai - Quattro cani - Un gelato al limon (in Banana Republic, 1979); Ma come fanno i marinai (45 giri); Cosa sarà (45 giri)
Con Gianni Morandi: Dimmi dimmi - Vita
Con Gianni Morandi e Francesco Guccini: Emilia
Con Gigi D'Alessio: Medley live TV 2002
Con Gigi D'Alessio, Gigi Finizio e Sal Da Vinci: Napule (in Quanti amori di Gigi D'Alessio, 2004)
Con Gigi D'Alessio, Gigi Finizio e Sal Da Vinci: Caruso (Live Piazza Plebiscito 30-09-2005 Diretta Rtl)
Con Julio Iglesias: Caruso (Dalla interviene nel finale)
Con Loredana Errore: Anna e Marco
Con Luciano Pavarotti: Caruso

Con Luciano Pavarotti, Sting, Brian May, Zucchero: La donna è mobile
Con Mango: Forse che sì, forse che no* (dall'album Ti porto in Africa, 2004)
Con Marco Mengoni: Meri Luis (dall'album Questo è Amore, 2011)
Con Mina: Amore disperato
Con Ornella Vanoni: Senza Fine
Con Renato Zero: La sera dei miracoli (live)
Con Renzo Zenobi: Telefono elettronico
Con Rita Pavone: Pirupirupirulì (dalla colonna sonora del film "Little Rita nel west", 1967)
Con Ron: Le ragazze (in Ma quando dici amore di Ron, 2005)
Con Ron e Francesco De Gregori: Una città per cantare
Con Stadio: Un fiore per Hal (dall'album Sta
dio, 1982)
Con Tosca: Rispondimi
Con Marco Mengoni: Meri Luis (dall'album Questo è Amore,2011)
Con Pierdavide Carone: Nanì, canzone portata al Festival di Sanremo 2012

fonte: www.libero.it

venerdì 2 settembre 2011

"Curiosità": 5) Spot "Ferrari 458 spider" in costiera amalfitana.

video

La settimana scorsa Italianalisi si è trovato nel bel mezzo di una registrazione di uno spot pubblicitario, almeno da quanto si è appreso sul posto. Camminando per la costiera amalfitana ad un certo punto la polizia blocca il traffico e da lontano si scorge un auto con una telecamera a braccio montata sul tetto. Noi di Italianalisi non ci facciamo sfuggire nulla e quindi abbiamo iniziato a riprendere con un telefonino. Ebbene, lo potete vedere dal video qui allegato, e da quel poco che abbiamo potuto scorgere, c'era un auto rossa coperta da un telo altrettanto rosso. Probabilmente si tratta del nuovo spot della nuova Ferrari 458 spider che avrà uno spot tutto targato SUD. Lo spot sarà un trailer regale ambientato a Positano, a Sorrento, alla Reggia di Caserta e ai Sassi di Matera.
Italianalisi ha voluto regalare questa anteprima a tutti i suoi lettori.

lunedì 7 giugno 2010

"Curiosità": 4) Torri pendenti: Abu Dhabi batte Pisa.

Gli Emirati arabi uniti hanno battuto un altro record in fatto di edifici. Dopo che a gennaio si erano presi il primato per il grattacielo più alto al mondo (lo spettacolare Burj Khalifa di Dubai, oltre 800 metri), ora sono finiti sul Guinness dei primati per "la torre più pendente al mondo", spodestando la Torre di Pisa. Il Capital Gate di Abu Dhabi, alto 160 metri, pende di 18 gradi, più di quattro volte rispetto alla storica torre toscana. L'edificio, 35 piani, sorge accanto al mare, nel quartiere delle esposizioni della capitale degli Emirati. E' stato costruito a partire dal 2007 dalla Abu Dhabi National Exhibitions Company (Adnec), su progetto dello studio Rmjm di New York. La struttura esterna è stata completata all'inizio di quest'anno e sono in corso i lavori per l'allestimento interno. L'inaugurazione è prevista per la fine del 2010. Il Capital Gate ospiterà un albergo a cinque stelle della catena Hyatt e uffici per complessivi 20.000 metri quadrati. L'edificio somiglia alla prua di una nave. Sale in verticale fino al 12/o piano, poi comincia a inclinarsi, fino a 18 gradi (la Torre di Pisa pende 'solo' di 4 gradi).

I piani superiori sono sfalsati l'uno rispetto all'altro da 30 centimetri fino a un metro e 400. Grazie alla pendenza, una sala da tè sporge sul vuoto a 80 metri d'altezza. Al 19/o piano c'è una piscina all'aperto con vista mozzafiato sulla moschea dello sceicco Zayed, il Golfo, la capitale e le isole di Saadiyat e Yas. La struttura esterna è una rete diagonale di acciaio fissata a 490 pilastri piantati fino a 30 metri di profondità. Ben 12.500 pannelli di vetro chiudono le 720 aperture, nessuna delle quali uguale alle altre, a causa di inclinazione e curvatura. Per progettare e costruire l'opera è stato necessario ricorrere a soluzione tecniche altamente avanzate e innovative. Il gioiello tecnologico del Capital Gate è la sua ossatura interna curvata, primo esempio al mondo secondo i costruttori. Una struttura di 15.000 metri cubi di cemento e 10.000 tonnellate di acciaio sale dal suolo con una pendenza opposta a quella della struttura esterna e si raddrizza salendo, per compensare l'inclinazione della torre.

"Ci sono state numerose sfide, e sono felice di poter dire che le abbiamo superate" spiega il direttore della Adnec, Ali Said bin Armal Al Daheri. Gli ispettori del Guinnes dei Primati, vista l'edificio, non hanno avuto dubbi ad assegnargli il primato di edificio più pendente al mondo. "Capital Gate è una pietra miliare per Abu Dhabi - commenta soddisfatto il presidente di Adnec, lo sceicco Sultan bin Tahnun Al Nahyan -. E' un edificio icona, che parla della lungimiranza dell'emirato". La torre pendente sarà il cuore dello sviluppo edilizio del centro di Abu Dhabi: una cittadella residenziale e direzionale da 2,2 miliardi di dollari, che sarà costruita intorno al fiorente centro delle esposizioni.

fonte: www.libero.it

giovedì 2 luglio 2009

"Segnalazioni TV": 6) Enrico Papi su La7 ospite a "Victor Victoria" nostalgico di "Sarabanda".

video

Ieri, 1 luglio 2009, è andata in onda su La7 la replica della puntata di "Victor Victoria" del 13/05/2009 dove era ospite Enrico Papi. Questa "segnalazione TV" è inerente ad una parte in particolare dell'intervista, come al solito esilarante, alla maniera di Victoria Cabello. La parte in questione è quella in cui si parla di "Sarabanda" (ho inserito in quest'articolo il video inerente solo quella parte dell'intervista), il noto programma condotto dal settembre 1997 fino al 2004 da Enrico Papi su Italia 1. La Cabello chiede a Papi il perchè non si rifaccia quel programma e lui, con parole nostalgiche, accentua la "paternità" di Sarabanda (ascoltate con attenzione le parole dell'ex paparazzo), e traspare la volontà di volerlo rifare.
Siamo al 13 maggio 2009 e, probabilmente (chissà!) non era nemmeno prevista la rivisitazione del noto programma, e quindi Papi non poteva sapere (o chissà se il noto presentatore già sapeva qualcosa, da buon paparazzo che era, e quindi da qui forse è scaturita la precisazione della "paternità") che poi dall'8 giugno di quest'anno, 2009, il nuovo Sarabanda sarebbe stato riproposto su Canale 5, ma alla conduzione ci sarebbe stato Teo Mammucari affiancato da Belèn Rodrìguez. Usando un neologismo di "Striscia la notizia", il nostro Papi nazionale sarà "atapirato"? Ora che "Striscia" è in ferie, provvederà Italianalisi, dal suo piccolo spazio, a consegnare un bel "Tapiro d'oro" al presentatore, seppure solo in maniera virtuale, facendo le veci di Valerio Staffelli. Chissà se poi l'inviato di "Striscia" non glielo consegnerà di persona!
E Mammucari... "gongolerà"?

venerdì 26 giugno 2009

Michael Jackson muore per arresto cardiaco.

Ho appena appreso la notizia della scomparsa di Michael Jackson e mi è sembrato doveroso pubblicarla immediatamente su Italianalisi. Il re del pop mondiale ci ha lasciato all'età di 50 anni stroncato da un infarto senza nessun segnale premonitore. E' successo tutto all'improvviso. Ne danno notizia tutti i mezzi di informazione mondiale.

Il cantante è collassato all'improvviso nella sua abitazione di Los Angeles. Fonti dei soccorritori: all'arrivo non respirava più .

ROMA (25 giugno) - Il cantante Michael Jackson è morto poco dopo le 13 locali a Los Angeles per un arresto cardiaco. L'annuncio della scomparsa è stato dato per primo dal sito Tmz. Secondo Tmz, quando l'ambulanza è giunta nell'abitazione del cantante il cuore di Michael Jackson aveva smesso di battere e il cantante è stato portato d'urgenza all'ospedale UCLA. «Abbiamo appena appreso che Michael Jackson è morto - scrive il sito Tmz - Il cantante ha sofferto un arresto cardiaco e l'ospedale paramedico non è riuscito a rianimarlo. Quando Jackson è giunto in ospedale non aveva più un battito cardiaco».
Anche il Los Angeles Times conferma la morte del cantante. Il quotidiano californiano, citando proprie fonti, scrive che Jackson era arrivato in ospedale in coma profondo. Altri media americani hanno poi via via confermato la notizia.
Fonti del Los Angeles Fire Department affermano che all'arrivo dei soccorritori il cantante non respirava già più.
L'ambulanza è stata chiamata alle 12.26 locali all'abitazione del cantante, a Carolwood Drive (Holmby Hills). Il fratello di Jackson, Ransy, ha riferito che il cantante è collassato all'improvviso in casa. È stata subito chiamata l'ambulanza, ma non è stato precisato quanto tempo sia passato dal momento in cui Jackson è stato colto da malore al momento in cui gli è stato effettuato il massaggio cardiaco. I paramedici hanno continuato nel tentativo di rianimazione anche al di fuori della villa del cantante. L'ipotesi più accreditata è quella dell'infarto, anche se non ci sono conferme da parte dell'ospedale. La madre e un fratello di Michael Jackson hanno seguito l'ambulanza all'ospedale.
L'annuncio di Tmz si è diffuso in un batter d'occhio a Los Angeles, e in poco tempo si sono radunate folle di giornalisti, fotografi e fans sia davanti alla clinica dell'Ucla Medical center, sia davanti alla villa di Jackson nell'area di Beverly Hills. Alla clinica la madre del cantante e uno dei fratelli sono stati raggiunti dal legale di famiglia e da altri parenti.
Michael Jackson aveva 50 anni, compiuti il 29 agosto scorso. Aveva iniziato la sua carriera a soli cinque anni, con i fratelli, formando i Jackson Five. Nel 1972 uscì il suo primo album solo, prima pietra di una carriera che lo avrebbe portato a vendere oltre 750 milioni di dischi. Tra alcune settimane avrebbe dovuto cominciare una tournee mondiale che avrebbe dovuto segnare il suo ritorno al mondo dello spettacolo.
fonte: www.ilmessaggero.it

venerdì 12 giugno 2009

"Segnalazioni TV": 5) "Affari tuoi", ci risiamo.

Possibile che in Italia qualsiasi notizia debba protrarsi così tanto nel tempo? La cosa che mi lascia perplesso è perchè ancora oggi se ne parli e ci siano così tanti dubbi! Parlo del caso dei pacchi di "Affari tuoi", il programma che va in onda su Rai Uno ormai da un po' di anni. E' da tempo che "Striscia la notizia", appoggiata anche dall'Unione dei consumatori, segnala anomalie riguardo la leicità del gioco.
Per quanto mi riguarda ho sempre avuto delle riserve nei confronti del programma, in quanto non credo sia possibile che un intero nucleo familiare segua il proprio parente, partecipante al gioco "Affari tuoi", anche per settimane. Tenendo in considerazione che i partecipanti ogni sera ne sono 20 e che il gioco si svolge nel seguente modo: (da Wikipedia) "Si tratta di una sorta di gioco d'azzardo contro il banco. Al gioco partecipano inizialmente 20 giocatori, ciascuno in possesso di una scatola ("pacco") che contiene un premio segreto. Viene posta una domanda preliminare; il più rapido a rispondere correttamente diventa protagonista del gioco vero e proprio. Al giocatore prescelto vengono immediatamente mostrate le sue possibilità di vincita, ovvero l'elenco dei contenuti di tutte le scatole (ovviamente, senza rivelare quale premio si trova in quale scatola)"; quindi un singolo partecipante potrebbe restare anche settimane prima di rispondere esattamente alla domanda preliminare e immaginate quanto tempo debbano restare anche i propri familiari poichè entrano in studio quando un partecipante indovina la risposta... mi chiedo: "ma non hanno nulla da fare?". Inoltre, la cosa più assurda è che non sapendo chi sarà il prossimo partecipante (secondo il regolamento) si presume che dietro le quinte tutti e 20 i nuclei familiari attendono di sapere se entrare per sostenere il proprio caro nelle varie fasi del gioco. Se poi si vuole essere cattivi (ma non si fa peccato ^_^), non è che gli autori del programma già sanno chi indovina, in maniera tale che sia presente solo il nucleo familiare del partecipante al gioco che "risponderà" in modo corretto alla domanda iniziale?
Da precisare che Italianalisi non lancia accuse, ma semplicemente delle perplessità, le quali possono essere chiarite in qualsiasi momento. Se qualcuno volesse chiarire questa perplessità, e perchè no proprio gli autori del programma, Italianalisi è apertissimo a farlo.
Di seguito vi propongo l'ennesima situazione ambigua rilevata dall'Unione dei consumatori riportata da www.libero.it.

"Stavolta a finire sotto accusa è il modo con cui i pacchi entrano in studio: l'Unione dei consumatori presenta un esposto e le vincite si dimezzano. Ecco cosa succedeva.
Dopo le accuse di utilizzare concorrenti abitudinari e di pilotare le vincite (ricordate quella che sembrava leggere gli appunti sul palmo della mano?) sembrava che poco altro si potesse ancora brogliare. Invece all'occhio attento dell'Unione dei consumatori non è sfuggita un'altra situazione poco chiara ad Affari Tuoi, stavolta riguardante l'allestimento nello studio.
Considerato che «ci sono in ballo alcuni milioni di euro che potrebbero essere stati lucrati indebitamente a danno della Rai e, quindi, dei contribuenti» a gennaio hanno deciso di vederci chiaro e presentato un esposto alla Procura. I fatti gli hanno dato ragione. Funzionava così: prima dell'inizio delle registrazioni, i pacchi venivano abbinati ai premi e sigillati, quindi portati in studio in pile da cinque. Anziché essere suddivisi in 4 gruppi per ordine numerico i pacchi entravano in ordine casuale. Come mai? La cosa non era passata inosservata ad alcuni concorrenti: proprio la particolare attenzione che mostravano verso quei numeri aveva ulteriormente incuriosito l'Unc. All'Associazione è bastato controllare lo svolgimento delle puntate per constatare che tutti quelli di una certa colonna avevano le vincite più alte. Il disordine dei numeri era solo apparente: partendo dall'alto verso il basso si trovavano i 50mila euro, i 70mila, i 100mila, i 250mila e gli agognati 500mila. Non un caso isolato, ma ripetuti episodi.
Da settembre a dicembre la cosa è andata avanti così: quelli che avevano capito, i più furbi, «non dovevano fare altro che memorizzare i due numeri più pacchi alla base di due pile», ha raccontato Dona, intervistato da Striscia la notizia. «Il gioco si basa sul presupposto che nessuno sappia cosa ci sia nei pacchi. Qui l'indizio c'era, ne hanno approfittato alcuni concorrenti per frodare la Rai e portarsi a casa un po' di soldini dei contribuenti». Scoperto l'inghippo però, presentato l'esposto, avviate le indagini e introdotto un nuovo allestimento le vincite medie si sono dimezzate.
Fondamentale si è rivelata la presenza in studio del segretario generale dell'Unione dei consumatori. A richiederla era stata proprio la dirigenza di viale Mazzini: «Accettare l'invito della Rai a partecipare al programma ha un significato importante al fine di assicurare ai telespettatori un’ulteriore garanzia di regolarità nello svolgimento del popolare gioco televisivo» aveva detto Massiliano Dona riferendosi alla presenza del notaio, demandato per legge di attestare la pubblica fede."
fonte: www.libero.it

giovedì 21 maggio 2009

"Curiosità": 3) Il PD chiede voti a defunti?

Il segretario del PD Dario Franceschini finalmente arriva nelle case della gente con una bella lettera. Fa piacere leggere che il segretario di un grande partito italiano si preoccupi per le condizioni che alcune famiglie vivono in questo periodo "di una crisi economica grave e profonda". E' bello leggere che si preoccupa che "con la pensione e lo stipendio di sempre non si riesce più a star dietro ai prezzi che salgono quando si fa la spesa". E' giusto che qualcuno si preoccupi finalmente se i figli o i propri nipoti "troveranno mai un lavoro che non sia precario"; che ci si impegni affinchè vengano emanate "leggi che aiutino concretamente le donne e le famiglie italiane".
Una lettera del genere coinvolge sicuramente, fa riflettere la gente sui problemi che si dovrebbero risolvere affinchè si possa vivere meglio... di certo servirà al PD per accaparrarsi qualche voto in più... peccato solamente che una di queste lettere è stata inviata ad una donna passata a miglior vita circa 3 anni fa.
Ho inserito in questa pubblicazione l'immagine scannerizzata della lettera dove sono stati oscurati il nominativo e l'indirizzo del destinatario per questioni di privacy, ma posso assicurarvi che si tratta di una persona deceduta circa 3 anni fa. La lettera è custodita dallo scrivente nel caso qualcuno voglia verificare la veridicità della "notizia".

lunedì 11 maggio 2009

"Segnalazioni TV": 4) Mi presenti i tuoi?

E' una "segnalazione TV" di una scena del film "Mi presenti i tuoi?" girato nel 2004 andato in onda ieri, 10 maggio su Canale 5.
Per chi non abbia mai visto questo film vi riporto la trama tratta da Wikipedia:
"Greg Fotter (Ben Stiller) si ritrova ancora una volta ad affrontare una serie di ostacoli per coronare il suo sogno d'amore con Pam Byrnes (Teri Polo), sposandola. Questa volta Greg, per rimanere nel cerchio della fiducia di Jack Byrnes (Robert De Niro) in cui è entrato con tanta fatica nel film precedente, dovrà sopportare l'umiliazione che comporta il far incontrare la sua famiglia (i genitori, interpretati da Dustin Hoffman e Barbra Streisand), stramba e all'avanguardia, e la famiglia di Pam, composta da Jack e Dina Byrnes, alquanto all'antica. Mentre la prima famiglia è caratterizzata da un legame d'affetto che unisce tutti in modo spiritoso, la seconda è composta e disapprova in pubblico ogni forma di contatto fisico. Dopo numerosissime peripezie, le due famiglie, pure essendo molto diverse, accetteranno di mettere da parte ogni lato negativo del proprio carattere per rassegnarsi all'amore che unisce in modo incontrastato Greg e Pam. Il film si è rivelato davvero comico e divertente, anche per la comicità del discorso diretto e la semplicità della sceneggiatura. Il titolo originale di "Meet The Fockers" è stato tradotto in italiano "Mi presenti i tuoi?" per sottolineare che esso è il comicissimo sequel di "Ti presento i miei"."
Ritornando alla "segnalazione TV", la scena incriminata è quella quando Greg Fotter (Ben Stiller) sente dei versi provenienti dalla camera dei genitori e li raggiunge per cercare di farli smettere.
Quando entra in camera si vedono due candele, una più grande di colore verde e un'altra più piccola rossa. Entrambi sono accese, ma vedendo le immagini di seguito (sequenza n°1), come ve le ho inserite in questa pubblicazione, noterete che ad un certo punto la candela rossa si spegne per poi riaccendersi miracolosamente (ve l'ho contornata con un segno rosso). Nella stessa scena ci sono anche i genitori a letto dove anche qui c'è qualche cosa di strano (sequenza n°2). Per iniziare notate il vassoio (cerchiato in blu) sul letto, nella seconda immagine e nelle ultime due... poi fate attenzione al viso (contornato in blu) di Bernie (Dustin Hoffman) che ad un certo punto sembra avere della panna sotto al collo che prima non aveva. Per ultimo, alle spalle di Roz (Barbra Streisand) sembra che non ci sia più la lampada-statuetta (cerchiato in verde).
Per chi volesse vedere l'intera scena, ho inserito il video, preso da Youtube.
http://www.italianalisi.blogspot.com/















Sequenza n°1
(clicca sull'immagine per ingrandirla)




















Sequenza n°2
(clicca sull'immagine per ingrandirla)




giovedì 7 maggio 2009

"Segnalazioni TV": 3) "Striscia la notizia" becca i giocatori della Lazio.

Italianalisi, anche se in una situazione differente, nella pubblicazione " "Segnalazioni TV": 1) Scherzo a Ezequiel Lavezzi." aveva già sottolineato che "Il fatto di essere diventati famosi implica che è lecito assumere taluni atteggiamenti?"; in quell'occasione segnalava che le cinture erano allacciate in maniera non lecita... "erano legate ma dietro alla schiena dei due calciatori, probabilmente perchè l'auto, come la maggior parte delle auto moderne, ha un sensore che avvisa con un cicalino quando le cinture non sono legate e quindi in questo modo il "fastidioso" avvisatore sonoro non avvertirebbe che le cinture non sono indossate". Anche Striscia la notizia ha messo in evidenza questo fenomeno con l'incursione nei confronti dei calciatori della Lazio.

"Favorisca la patente, caro.
"Striscia" becca i giocatori della Lazio. Sfrecciano a velocità ben sopra i limite all'uscita dal centro sportivo di Formello. E sono solo i primi.

"In teoria dovrebbero giocare a pallone, e per questo sono pagati: in pratica succede che molti campioni di calcio si trasformino in piloti appena usciti dal campo. Peccato che non lo facciano in pista, ma su strade con limite di velocità di 50 chilometri orari. A pizzicare, autovelox alla mano, i calciatori che spingono troppo sull'accelleratore è Striscia la Notizia: questa volta tocca alla Lazio, ma non finirà qui. Appostati a Formello, hanno registrato le velocità dei giocatori al volante mentre uscivano dagli allenamenti su una strada con limite dei 50 all'ora. I risultati sono spaventosi: ad attenersi al limite è soltanto Stefano Mauri (51 km/h, a dire il vero...). Il più pericolosamente indisciplinato è invece Juan Pablo Carrizo, 108 km/h e un paio di sorpassi azzardati in pochi metri.

Ma ce n'è per tutti. Christian Manfredini 95 km/h; Dabo Ousmane 81 km/h; Francelino Matusalem km/h; Fernando Muslera 86 km/h; Mauro Zarate 92 km/h; Sebastiano Siviglia 82 km/h; Tommaso Rocchi 84 km/h; Cristian Ledesma 80 km/h; Cristian Brocchi 82 km/h; Simone Del Nero 84 km/h; Alessandro Tuia 107 km/h con un sorpasso vietato. Purtroppo capita spesso che calciatori noti siano beccati mentre compiono violazioni al volante, o peggio che siano coinvolti in incidenti automobilistici: ragazzi giovani, alla guida di bolidi potentissimi, tanta adrenalina e il gioco - o meglio il danno - è fatto."
fonte: www.libero.it

mercoledì 29 aprile 2009

"Curiosità": 2) Toyota Urban Cruiser.

Italianalisi è capace anche di questo... Fotografare un'auto che ancora non è esposta nei concessionari. Parlo dell'Urban Cruiser, tradotto letteralmente L'Incrociatore Urbano, il "minisuv" di casa Toyota (per la descrizione tecnica vi rimando alla fine di questa pubblicazione dove ho inserito quella di Quattroruote).
La Toyota è sempre pronta a riproporsi sul mercato, a reinventarsi, a sfidare le altre case costruttrici. Il "minisuv" era un segmento scoperto dalla casa nipponica, la quale senza perder tempo ha rimediato. In Italia sarà sicuramente l'antagonista della Fiat Sedici, e ciò non può essere che un motivo di discussione. Quello che avrebbero dovuto fare le case costruttrici italiane da anni nel segmento dei SUV, cioè concorrere con le altre case costruttrici, almeno in Italia. Tutte le case automobilistiche straniere, si sono adeguate alla richiesta di mercato, commercializzando in Italia SUV e oggi c'è solo l'imbarazzo della scelta. Probabilmente mi si potrebbe dire che la Fiat abbia risposto a tale richiesta con la Sedici, ma non è così. Ho visto qualche prototipo italiano come quello dell'Alfa Romeo Kamal presentato nel 2003, il quale come hanno annunciato, dovrebbe diventare realtà entro il 2009, un po' cambiato rispetto all'originale (certo, hanno impiegato solo 6 anni per produrre un SUV!); il nuovo modello si inserirà nel mercato degli Sport Utility compatti, in diretta competizione con la BMW X3 e le future Audi Q5 e Volkswagen Tiguan.
L'unica casa costruttrice italiana che ha capito l'importanza del settore è stata la DRMOTOR commercializzando la DR5 che, sembra stia avendo un grande successo, vuoi per il prezzo abbordabile, vuoi per la qualità... (anche se a primo impatto, vista dal posteriore, ricorda vagamente il Rav4 primo modello). L'importante è che il presidente, Massimo Di Risio, ha colmato questo settore con una azienda italiana. La DRMOTOR ha debuttato come casa automobilistica solo nel 2006 alla 31° edizione del Motor Show di Bologna. La DRMOTOR ha iniziato la sua attività con un SUV, DR5, in vendita già da un po' di tempo, e già sono pronti altri modelli di altri segmenti, infatti se visitate il sito www.DRMOTOR.it e visualizzate i suoi prodotti noterete che le altre auto saranno prossimamente in vendita (DR1, DR2, DR3). Soffermandoci a pensare che le grandi case automobilistiche italiane, le quali non producono SUV, stanno mettendo in cassa integrazione tanti operai, la cosa ci lascia un po' perplessi. Lungi da me critiche o quant'altro... l'unica cosa che mi sento di dire è di darsi da fare in queste aziende italiane perchè l'ingegno non manca e invece di pensare ad accordi economici vari, bisogna produrre modelli ricercati, colmare segmenti in modo da fare concorrenza a case straniere, almeno nel nostro paese.
Ritornando all'Urban Cruiser e direttamente alla Toyota... complimenti da parte di Italianalisi, sia per le scelte stilistiche che commerciali.
"Cruiser, come la Land, ma Urban. Dalla quale, per fortuna, eredita il Dna Toyota, ma non le dimensioni. Anzi, questa volta l'hanno proprio fatta piccola. Meno di quattro metri, per la precisione: 393 centimetri di lunghezza per 173 di larghezza. Abbastanza per classificarla tra le citycar. Ma con qualcosa in più. La Urban Cruiser, in effetti, sfugge alle definizioni. Dev'essere per questo che queste automobili le hanno ribattezzate crossover: misure da utilitaria, versatilità da multispazio, caratteristiche da Suv. Così.
Alla Toyota deve esserci in atto una rivoluzione silenziosa. C'è qualcuno, in Giappone, che sta spingendo sull'acceleratore dell'emotività, ché la Urban Cruiser va oltre la logica razionale dell'auto-elettrodomestico. Altrimenti come si fa a progettare una vettura da città a trazione integrale con tanto di bloccaggio del differenziale centrale? Basta ragionare fuori dagli schemi. Il che, per la Toyota, è un po' una novità.
La Urban Cruiser, in realtà, ci viene propinata in due salse: piccante, cioè 1400 turbodiesel common rail da 90 CV e 205 Nm di coppia massima a quattro ruote motrici e filtro antiparticolato, e liscia, ovvero con un quattro cilindri a benzina di 1.3 litri da 100 CV e 132 Nm a trazione anteriore e dispositivo stop & start. Tutt'e due a sei marce e tutt'e due Euro 4. La prima arriverà a metà maggio, la seconda a settembre, con prezzi di partenza rispettivamente di 20 mila e 17 mila euro.
L'abbiamo guidate in Portogallo, sulle strade secondarie, ma anche sui lunghi saliscendi autostradali. E sì, il ruolo di vetturetta tuttofare si attaglia bene alla Urban Cruiser. Svetta, com'è ovvio, la 1.4 D-4D AWD, avvantaggiata da una coppia più sostanziosa, da una qualità della guida più concreta e da un confort di marcia più elevato. Il piccolo turbodiesel sfodera una bella grinta quando occorre, a patto di tenerlo sopra i 2000 giri: sotto, invece, soffre un poco e ci mette del tempo a riprendere vigore.
La frizione non è leggerissima e questo è uno dei pochi appunti di una certa entità che si possano rivolgere alla Urban Cruiser: per una macchina pensata per la città, l'indisponibilità di un cambio robotizzato suona un po' come un'anomalia. Per il resto, tanto di cappello: la guida è gradevole, fluida e si viaggia nel silenzio. Solo in accelerazione si avverte il canto degli iniettori, ma non dà fastidio.
Salire sulla 1.3 dual VVT-i dopo aver guidato la 1.4 D-4D è un po' una cattiveria: l'entry level soffre il confronto, più che altro per via della coppia inferiore. La guida è più leggera, s'avverte che mancano i vincoli della trazione integrale, ma anche e soprattutto la spinta del turbodiesel. Il sistema stop & start fa spegnere il motore quando si mette in folle e si lascia il pedale della frizione. Spegnimenti e accensioni sono dolcissime: tutto è gestito da un sistema innovativo.
Sicurezza fuori discussione, quantomeno a giudicare dall'equipaggiamento: Abs e controllo elettronico della stabilità fanno parte della dotazione di serie già a partire dall'allestimento base, così come i sette airbag, compreso quello per le ginocchia del guidatore. Il climatizzatore manuale, invece, è a richiesta solo sul modello d'ingresso: sulle altre fa parte della dotazione standard."
fonte: www.quattroruote.it

venerdì 24 aprile 2009

"Adesso basta! Non è giusto!": 3) Carcere abbandonato al degrado.

"Gragnano. Realizzata dal Comune ed acquisita dall'Amministrazione nel 2000, è stata successivamente chiusa per cedimenti strutturali nel sottosuolo, in quanto costruita su cave di tufo e caverne." - Questo è quanto riporta www.giustizia.it/newsonline/data/multimedia/2225.pdf datata 14/10/2007 (Estratto da pag.12).
L'oggetto in questione è l’ex casa circondariale di Gragnano, in provincia di Napoli, che ha chiuso i battenti solo dopo pochi anni di attività.
Si potrebbe discutere per ore sui problemi che ne hanno causato la chiusura e bisognerebbe fare una lunga riflessione, visto che stiamo parlando di "problemi statici", troppo spesso sottovalutati da tecnici e non, dimenticando che essi possono causare morte -ma questo è un problema di cui ci si ricorda solo dopo la tragedia- per non parlare dell’individuazione delle responsabilità, qualora ve ne siano, dato che sono stati spesi svariati miliardi di lire per costruirla.
La domanda sorge spontanea: perché una struttura così grande continua ad essere abbandonata a se stessa, lasciata nel degrado assoluto e non si faccia niente per recuperarla? Si parla sempre del sovraffollamento delle carceri e a Gragnano, come in qualche altra località italiana ve ne è una chiusa e non si fa niente per riaprirla… probabilmente è più facile fare un indulto che un piano di recupero…chissà!
C’è un fatto però che ci lascia ancora di più perplessi e attoniti e cioè che si tratta di una struttura del Ministero di Grazia e Giustizia, ministero "che costituisce il centro propulsore della politica giudiziaria del governo", il quale dovrebbe garantire il rispetto delle leggi, per cui nel caso in cui la struttura sia stata lasciata in questo stato a causa di un cavillo legale, e quindi riconducibile alla lentezza burocratica dei procedimenti concernenti la giustizia, di cui troppo spesso si sente parlare, dovrebbe questo caso fungere da esempio ed essere risolto al più presto. Ovviamente quella del rallentamento burocratico è solo un’ipotesi dovuta probabilmente al fatto che a volte si cerca di trovare una spiegazione razionale a certe situazioni che accadono nel nostro paese come se si dovesse trovare una giustificazione a tutti i costi per non ammettere il fallimento. Tuttavia credo che, a prescindere dal motivo che governa questa scelta di totale abbandono della struttura, ci dovrebbe essere l'impegno delle istituzioni affinché il problema venga risolto, certo le soluzioni possono essere svariate, ad esempio si potrebbe restaurare magari prevedendo un cambio di destinazione d’uso oppure locare o vendere a un privato. Penso che se si fosse trattato di una proprietà privata e non pubblica di certo una soluzione sarebbe stata già trovata. -Non si capisce perchè i soldi pubblici non hanno la stessa valenza dei soldi privati!-
Comunque, ritornando al problema pratico e visibile per chi ci vive in quella zona, ho messo a disposizione delle immagini di Maps.live.com e di Maps.google.it della struttura in questione dalle quali si evidenzia il grado di abbandono.
Ritengo interessante aprire un dibattito in questione e invito chiunque a dire la sua.














foto: www.maps.live.com

















































foto: www.maps.google.it